gravisano-788x1024

Gravisano Murgia Bianco I.G.P.

Un vino passito che viene dalla storia della nostra terra. Si narra, tra gli anziani del nostro Paese, che fino a qualche secolo fa tra i filari delle nostre vigne allignasse un uva, probabilmente un clone di Greco a maturazione anticipata, che appassiva in pianta.
Nell’antica saggezza popolare nulla doveva essere sprecato e quindi da queste uve appassite, vinificate a parte, si traevano pochissimi litri di un vino dolce che si offriva agli ospiti di riguardo durante le feste, per accompagnare i nostri tradizionali dolci di mandorla.
Quest’uva veniva chiamata dialettalmente “Gravisano”. Non siamo ancora riusciti a recuperare questa mitica e scomparsa varietà, ma la nostra ricerca ci ha portato a scoprire che appassendo la nostra Malvasia sui graticci se ne può ricavare un nettare dal gusto morbido e fragrante, mai stucchevole, che ha trovato dal 1992, anno della sua prima produzione,
un posto nel mondo dei vini dolci.

verdeca-di-gravina-788x1024

Verdeca di Gravina

Un manoscritto del 1871 oggi custodito nel museo della Fondazione Pomarici Santomasi, si magnificavano le qualità di un vino spumante che avrebbe potuto far concorrenza ai vini di Francia. Questo vino era chiamato Verdeca di Gravina, non per l’utilizzo dell’omonimo vitigno, bensì per i suoi marcati riflessi verdognoli. Era un vino famoso in tutto il circondario. Veniva spumantizzato in maniera quasi inconsapevole mediante la rifermentazione in contenitori sigillati delle varietà locali, Greco, Malvasia e Bianco di Alessano, che in virtù delle basse temperature delle cantine ipogee scavate nel tufo, qui a Gravina, manteneva un buon residuo zuccherino risultando mosso e delicatamente piacevole al palato. Oggi lo riproponiamo a base Malvasia ed il risultato è un vino piacevole, fresco, cremoso con un perlage fine e persistente.

Featured Image -- 4399

Podolica meat – Carne podolica

iluoghidelgusto:

Sia la Puglia che la Basilicata sono due regioni ricche di mucche podoliche e di caciocavalli di altissima qualità.

Originally posted on foodwinecontaminations:

The Apulian cows called “Podoliche” are an ancient bre once used for their attitude to hard work. Today the cows are raised in the wild on Murgia plateau and Gargano, not only for the quality of their milk, from which the famous “caciocavallo podolico” cheese is produced, but also for the quality of their tasty meat.

Carne podolica

I bovini dell’antica razza Podolica pugliese, un tempo utilizzati per la loro attitudine al lavoro, sono oggi allevati allo stato brado nei pascoli della Murgia e del Gargano oltre che per il latte, da cui si ricava il famoso Caciocavallo Podolico, principe dei formaggi a pasta filata, per la qualità della loro carne, sapida e dal gusto intenso.

View original